- Galleria d'Arte La Riva

Vai ai contenuti

Menu principale:

______________________________________________________________________________________________________________________________________

Corneille - Biografia

Corneille nasce nel 1922 in Belgio da genitori olandesi. Nel 1929 la famiglia si stabilisce ad Amsterdam. Nel 1940 Corneille inizia ad interessarsi alla pittura, cosa che lo porta ad iscriversi all’età di 18 anni a corsi di disegno e incisione presso l’Acadèmie des Beaux Arts di Amsterdam. Intrapresnde anche alcuni studi di pittura, ma trova l’insegnamento troppo accademico e abbandona preferendo essere autodidatta. Nel 1946 presenta per la prima volta una personale a Groningue in Olanda. Nel 1947 espone ad Amsterdam. Si reca in Ungheria, dove incontra il poeta Imre Pan. Espone a Bruxelles all’Europa Iskola. Nel 1948 Corneille partecipa, con Karel Appel ed altri artisti, alla creazione del Gruppo Sperimentale Olandese, pubblicano la Rivista Reflex ed organizzano un’esposizione allo Stedeijk Museum di Amsterdam. Nello stesso anno Corneille si reca a Parigi e fonda il gruppo COBRA con Jorn, Appel, Dotremont e Costant. A questo gruppo si uniscono presto poeti, scrittori, pittori. Nel 1949 intraprende il suo primo viaggio in Nord Africa e scopre con passione il mondo arabo e berbero. Espone per la prima volta a Parigi in una collettiva con  Appel, Costant presso la Galleria Allendy. Allo Stedeljik Museum di Amsterdam ha luogo una manifestazione COBRA. Nel 1950 Corneille si stabilisce definitivamente a Parigi. Nello stesso anno espone alla Galerie Maeght ‘’Les mains èblouies’’. Nel 1951 partecipa al Salon de Mai per la prima volta. Nel 1952 attraversa lo Hoggar, i cui paesaggi influenzeranno  molto i quadri di questa epoca: l’aspetto minerale di certe forme concentriche, rigore di una struttura quasi organica. Nel 1953 inizia lo studio della tecnica dell’incisione e dell’acquaforte nello studio di Stanley Hayter a Parigi. Nello stesso anno soggiorna a Maiorca per qualche tempo. Nel 1954 s’inizia alla ceramica con Asger Jorn, Wilfred Lam, Matta, Enrico Baj, Fontana nello studio di Mazzoti ad Albisona. Nel 1955 otiiene la prima ‘’Mention Honorable’’ del Carnegie Internationale a Pittsburg. Nel 1956 gli viene assegnato il PrixSalomon Guttenheim per i Paesi Bassi. Presenta numerose mostre personali a Parigi, al Palais des Beaux Arts di Bruxelles, al Stedeljik Museum di Schiedam. Nel 1957 espone una personale al Museo Curacao e partecipa a parecchie collettive. Nello stesso anno attraversa l’Africa in automobile. Nel 1958 si reca, per la prima volta, negli Stati Uniti, nell’America del Sud e nelle Antille Olandesi. Passa l’estate a Intland in Danimarca a dipingere in compagnia di Carl-Hanning Pedersen.  Nel 1960 soggiorna in Bretagna a Beg-Meil. Per la prima volta partecipa a New York ad una collettiva presso la Lefebre Gallery, con Pierre Alechinsky e Asger Jorn. Nel 1961 presenta una retrospettiva al Stedejik Museum de l’Aja. Comincia a dipingere stendendo le tele a terra. Nel 1962 presenta per la prima volta una personale a New York alla Lefebre Gallery. Soggiorna a Cadaquès dove realizza una serie di gouaches. Nel 1965 si reca in Brasile. Nel 1967 la Kunstverein di Dusseldorf gli dedica una retrospettiva. Nello stesso anno si reca per parecchi mesi a Cuba. Nel 1968 partecipa alla realizzazione di un mosaico a Velaluka Jugoslavia. Nel 1970 effettua un viaggio in Messico. Nel 1972 viene insignito del Prix Ibiza Graphic. Nel 1974 presenta una retrospettiva al Palais des Beaux Arts di Charleroi. Nel 1977 pubblica diversi album fotografici dedicati ai suoi viaggi in Africa ed alla sua collezione di Arte Africana. Nello stesso anno stabilisce i suoi primi contatti con il mondo asiatico. Tra il 1982 e il 1992 partecipa a numerose esposizioni e sviluppa lìopera grafica iniziata fin dal 1948. Gli vengono dedicate numerose monografie. Nel 1992 esegue le prime sculture in legni policromi. Soggiorna in Africa per girare un film, realizzato da Jos Wassink, che verrà presentato in occasione della mostra ideata da Ronald A. R. Kerkhoven ‘’Corneille, il viso africano’’ al Museon de L’Aja. Nel 1995, dopo sette anni, torna in Italia con una importante mostra personale titolata ‘’Libre comme on oiseau’’.

Opere grafiche

______________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Torna ai contenuti | Torna al menu