- Galleria d'Arte La Riva

Vai ai contenuti

Menu principale:

______________________________________________________________________________________________________________________________________

Emilio Scanavino - Biografia

Emilio Scanavino nasce a Genova il 28 febbraio del 1922. Il padre Sebastiano è teosofo e la madre, Maria Felicina Sterla, è fervente cattolica. Queste due culture determineranno in seguito il conflitto interiore, che caratterizza la personalità e l’espressione dell’artista. Nel 1934 frequenta la scuola magistrale di Genova e nel 1938 il Liceo Artistico Nicolò Barabino, dove avviene la sua prima formazione: paesaggi e soggetti umili sono le opere realizzate fino alla fine degli anni Trenta. S’ iscrive alla Facoltà di Architettura dell’Università di Milano, ma nel 1943 è chiamato alle armi e deve abbandonare gli studi. Nel dopoguerra si sposa con Giorgina Graglia. Aderisce al clima di rinnovamento culturale e artistico della sua città. Nelle tele di questo periodo ricorrono moduli linguistici di declinazioni espressionista. Nel 1947 Scanavino si reca per la prima volta a Parigi. L’esperienza parigina si rivelerà fondamentale nel suo percorso stilistico, in particolare per gli echi del postcubismo. Alle suggestioni della lezione di Picasso verso la fine del decennio Scanavino avverte anche l’influenza delle contemporanee esperienze astratte. Nel 1950 alla XXV Biennale di Venezia suscita l’attenzione della critica. Si afferma nell’ambito dell’arte contemporanea internazionale. Nel 1951 s’inaugura una mostra personale a Londra. Nel 1953 gravita intorno al gruppo milanese degli spazialisti. La poetica dell’informale si delinea nel segno e nella materia. Nascono i Rituali e gli Alfabeti senza fine, i temi che ricorrono nella pittura di Scanavino: il segno si fa protagonista sulla tela di un racconto ritmato, di un tempo sospeso, di pieni e vuoti di presenze suggestive, evocate nell’ombra dello studio. Scanavino ha partecipato a diverse edizioni della Biennale di Venezia ed ha esposto in Italia e all’Estero. Muore a Milano nel 1986.



Opere Grafiche

______________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Torna ai contenuti | Torna al menu