- Galleria d'Arte La Riva

Vai ai contenuti

Menu principale:

______________________________________________________________________________________________________________________________________

Samuele Ventanni - Biografia


Nasce ad Umbertide nel 1986. Frequenta l’Istituto d’Arte di Gubbio nel settore Architettura. Dal 2007 ha esposto nelle maggiori città in Italia e all’estero. La poetica di Samuele Ventanni si scrive su contrappunti cromatici e su una partita musicale. Il linguaggio polifonico da lui proposto parla di un’estetica in cui le tele vivono perché forme luminose, libere di muoversi nell’ambiente. Movimento, colore, tempo e spazio sono i concetti essenziali della sua arte. Si esprime l’intenzione di andare oltre la pittura e la scultura, nella creazione di un oggetto a sé significante. Lucente, impattante, bello. La luce mette in risalto il candore del bianco perlaceo, che vivido, disegna molteplici effetti ottici, lungo le ondulate movenze che la superficie dell’opera propone, quando si apre verso lo spazio circostante. La tela è l’unica interlocutrice, colta nella provocazione di innumerevoli estroflessioni, magistralmente costruite dall’artista, attraverso l’applicazione dal retro di chiodi, centine, sagome di legno, su cui, con fare minuzioso, si applicheranno tessuti di jeans. La risultanza è l’eleganza accompagnata all’ideale di bellezza candida e semplice. Samuele Ventanni costruisce immagini in movimento continuo, determinate dall’interagire tra materia e luce. La luce svolge un ruolo fondamentale poiché rende percettibile la sostanza delle opere.

Testo critico di Luca Alinari
I quadri di Samuele sono costruiti, pensati e sentiti per catturare, imbrigliare, addomesticare il raggio della luce.
Quella complicata costruzione che inizia già con il montaggio della tela sul telaio, non è casuale, è una trappola ben congeniata concettualmente per modulare sulla superficie i raggi della luce naturale o artificiale e infatti l’emozione che i quadri di Samuele trasmettono, deriva da questa modicità, da questa “cattura”.
Catturare la luce, dunque, ma catturare la mancanza di luce. Catturare il buio.
È un momento molto alto della ricerca di Samuele Ventanni.


Opere uniche

______________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Torna ai contenuti | Torna al menu